Motociclismo – Salvo Sallustro il terzo pilota del Techno Racing Team al Paul Ricard.

TRT COMPOSTO L’EQUIPAGGIO PER LA 4 ORE

Pian pianino va componendosi il puzzle del TRT, fino a qualche giorno fa, si conosceva solo il nome di due piloti dell’equipaggio del Techno Racing Team, per la quattro ore del Paul Ricard. Ora finalmente è stato svelato anche il nome del terzo pilota, si tratta di Salvo Sallustro, pilota vice campione d’Europa nella velocità in salita nel 2022. Ora resta da scoprire la moto, gli altri membri dello staff per la trasferta francese (per il momento l’unico nome che si conosce è quello di Stefano Colasanti), e gli sponsor che accompagneranno il Techno Racing Team in questa e nelle altre gare del 2023. A proposito di sponsor, il TRT comunica di aver raggiunto in questi giorni un accordo con l’azienda Montoro, operante nel campo dell’abbigliamento a Frosinone, che oltre ad essere uno sponsor sarà anche un partner tecnico, con la fornitura del vestiario per lo staff del Techno Racing Team. Inoltre restando in tema di sponsor, quest’anno come già successo, in altri anni la FIRR, azienda sita a Castelliri, specializzata in forniture tecniche industriali, tornerà di nuovo ad essere al fianco del TRT in questa avvincente stagione di corse. Tornando alla moto, la yamaha YZF750R, sarà presentata agli sportivi ed appassionati unitamente a tutto lo staff, in una manifestazione che si terrà a breve ad isola del Liri. Gli organizzatori francesi della gara che si terrà il 5 e 6 maggio, hanno comunicato che gli equipaggi in gara saranno quarantotto e di questi sette italiani. Si tratta come già scritto in altre occasioni, di una gara molto dura e selettiva, che vede la partecipazione di diversi piloti di calibro mondiale, in sella a moto molto performanti. Insomma quella del Techno Racing Team, non sarà certo una passeggiata, ma l’impegno e la voglia non manca certo, ora non resta che attendere per scoprire i veli sulla moto.

                                                                                                                      Lucia Alonzi 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *