Ciclismo – Under23 – Luca Colnaghi da finisseur sul traguardo della Gradara-Riccione. lo spagnolo Ropero Molina conserva la maglia rosa enel.

Parla italiano la seconda tappa del Giro d’Italia Giovani Under 23 Enel, la Gradara-Riccione.

A vincere è Luca Colnaghi della Zalf Euromobil Désirée Fior, al secondo successo stagionale. Conserva la maglia Rosa Enel è lo spagnolo Alejandro Ropero Molina (Kometa), a segno nella prima frazione a Urbino.

Il nazionale azzurro Colnaghi ha fatto un vero e proprio numero nel finale, prima rientrando sui fuggitivi, poi restando al comando in solitaria e resistendo alla forte rimonta del gruppo lanciato per la volata.

I cinque fuggitivi si erano avvantaggiati nel tratto di falsopiano prima dell’unico GPM di giornata, Pietrarubbia: si trattava di Lorenzo Ginestra (Aran Cucine Vejus), Giacomo Ballabio (Iseo Serrature.Rime-Carnovali), Joab Schneiter (Swiss Racing Academy), Gabriele Porta (Gallina Colosio Eurofeed) e Sergio Garcia (Kometa Xstra), che hanno raggiunto un vantaggio massimo di quasi due minuti.

Su di loro a poco più di 5 km dall’arrivo si è portato Luca Colnaghi, che poi ha lasciato la compagnia per presentarsi tutto solo sul traguardo di Riccione, con pochi metri di vantaggio sul gruppo; secondo posto per Jordi Meeus (SEG Racing Academy), terzo Jonathan Milan (CTF).

Le maglie:

Maglia Rosa Enel – Classifica generale: Alejandro Ropero Molina (Kometa Xstra Cycling Team)

Maglia Rossa Pinarello – Classifica a punti: Luca Colnaghi (Zalf Euromobil Désirée Fior)

Maglia Verde Work Service – Classifica GPM: Gabriele Benedetti (Team Casillo – Petroli Firenze – Hopplà)

Maglia Blu GLS – Classifica intergiro: Giacomo Ballabio (Iseo Serrature Rime Carnovali)

Maglia Bianca AIDO –  classifica dei giovani: Antonio Tiberi (Team Colpack Ballan)

Maglia Multicolore ENIT – classifica combinata: Alejandro Ropero Molina (Kometa Xstra Cycling Team)

Domani, lunedì 31 agosto, 3° tappa: Riccione (Rn) – Mordano (Bo) 150,5 km

Terza tappa interamente in Emilia-Romagna, con la partenza da Riccione e arrivo a Mordano, dove ha sede la Nuova Ciclistica Placci 2013 presieduta da Marco Selleri, la società organizzatrice del Giro U23 e base dello storico nucleo di volontari a supporto dell’organizzazione.

Sono 150,5 i chilometri di una tappa che, al primo sguardo all’altimetria, può sembrare piatta, ma che all’altezza di Faenza devia verso le colline per portare i corridori ad affrontare due GPM di 3a categoria negli ultimi 30 km: Monticino (3,5 km di salita, pendenza media 5,2%, punte all’11%) e Mazzolano (2,4 km di salita, pendenza media 5,3%, massima all’11%), prima di scendere verso Imola e a Mordano per il traguardo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: