FrosinoneCalcio – Pensieri & Parole – RABBIA E PUNTI SOTTO LA TORRE PENDENTE.

Di Alessandro Biagi

Il Frosinone è atteso oggi a Pisa da un pronto riscatto agli ultimi due scivoloni stagionali che ne hanno drasticamente frenato l’ottimo cammino intrapreso. Un Frosinone che per puntare al bottino pieno, deve scendere in campo con rabbia, determinazione e convinzione nei propri mezzi. I toscani, così come i ciociari, vengono da due sconfitte consecutive, di cui una dolorosa in casa contro il Cosenza per 1-3, dando comunque cenni di ripresa nel match esterno di Ascoli chiusosi con il minimo passivo. Anche per i canarini le ultime due sconfitte rappresentano un responso pesante rispetto a quanto visto in campo. La squadra di Nesta è apparsa comunque solida, forse non entusiasmante nel gioco, ma comunque capace di rimanere in controllo della partita. Quello che manca a questo Frosinone è un pizzico di cinismo in più in attacco. Siamo in attesa della esplosione di Novakovich che tarda ad arrivare e chissà che oggi all’Arena Garibaldi, dove l’americano partirà titolare, non sia la volta buona. Dionisi ci sta mettendo tanta volontà, ma manca di quel pizzico di cinismo e lucidità in attacco che lo trasformerebbero in match player. Ecco perché la prossima finestra di mercato sarà fondamentale per capire come il Frosinone vuole approcciare la seconda parte di stagione. Serve un attaccante con l’istinto del gol in area e magari un centrocampista che aiuti Nesta a coadiuvare Maiello e soci in un’area nevralgica del campo. Ma questi sono discorsi che si apriranno tra qualche giorno. Oggi il pensiero deve andare solo al Pisa ed a quanto di buono si potrà portare via all’ombra della “torre pendente”. L’ammucchiata di squadre in corsa per i playoff ed il distacco non abissale dal secondo posto impongono ai canarini di tornare a far punti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: