Motociclismo – Al Sachsenring inizia l’epoca delle moto e, il top delle competizioni con moto elettriche.

Di ALESSANDRO BIAGI

Prende il via con il week end agonistico del Sachsenring l’attesa Coppa del Mondo di Moto E. Prima tanta curiosità, per queste moto che sfrecciano ben oltre i 200 chilometri orari,

Le moto sono uguali per tutti, fornite dalla azienda modenese produttrice di due ruote elettriche, la Energica e gestite da team già presenti da tempo nel Motomondiale, come Pramac, Lcr, Avintia, Sic58 e Gresini, team nel quale milita uno dei più bravi meccanici laziali, Tommaso Raponi. Team noti, ma soprattutto piloti molto noti alle cronache sportive, come Sete Gibernau, storico rivale di Valentino Rossi e due volte vice-campione della classe regina. Altri volti noti i Campioni del Mondo della 125 Mike Di Meglio e Nico Terol e gli ex MotoGP Randy De Puniet e Bradley Smith. La stagione della Moto E è stata condizionata dall’incendio che ha distrutto l’intero parco moto del campionato lo scorso marzo. Uno sforzo non indifferente fatto dalla Energica ha permesso di rimettere in piedi il parco partenti e così da questo week end il via ad un campionato nato non senza polemiche da parte dei puristi delle corse con motore endotermico.

L’autore della prima pole position è stato il finlandese Niki Tuuli, con il tempo di 1’27”456 (1”3 più alto della pole in Moto3), davanti allo spagnolo garzo. Primo degli italiani Matteo Ferrari (5°). La gara delle MotoE aprirà la giornata di competizioni domenica alle 10:00.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *