Ciclismo – La due giorni sorana nel segno di Germani e Verre.

Sui volti dello staff dell’AS Ciclisti Sorani c’era tanta stanchezza domenica sera ma ancor più grande era la soddisfazione per aver firmato un’altra edizione di lusso de La Ciociarissima che ha regalato al pubblico accorso sulle strade di Sora e dintorni uno spettacolo sportivo degno del blasone di questa gara. E ciliegina sulla torta , il ritorno al successo di un ciociaro che mancava dal 2005 quando a Sora si affermò Gianluca Coletta. Va negli annali dunque la Ciociarissima numero 32 con la vittoria di Lorenzo Germani , diciassettenne di Roccasecca che corre nella squadra toscana Work Service Romagnano diretta da Matteo Berti. Per Lorenzo si tratta del primo acuto stagionale dopo un inizio d’anno sfortunato per via di una brutta caduta in allenamento che lo ha costretto prima ad un intervento chirurgico e poi ad una lunga riabilitazione. La gara si è aperta con una fuga di nove corridori per nulla intimoriti dalla distanza da affrontare. Il gruppetto comprendeva un ciociaro , Luca Marziale (Il Pirata Terracirce) , tre friulani , Giovanni Mocellin e Filippo D’Aiuto (Danieli Cycling Team) e Alessandro Migotto (Rappr. CR Friuli) , tre abruzzesi , Nicolas Chiola, Lorenzo Di Donato e Matteo Forcucci (Vini Fantini Sportur), un campano , Mario Iannone (CPS Professional Team) e un laziale Marco Mammi (Team Coratti). La fuga ha guadagnato secondi in pianura fino ad arrivare a 2 minuti ma in vista del primo GPM il distacco si è ridotto e alla fine è rimasto al comando il solo Mocellin che è transitato per primo al GPM di Campoli Appenino. Ma l’azione del friulano stava per spegnersi e infatti su di lui piombava dopo qualche chilometro Lorenzo Germani che provava a fare il resto del percorso tutto da solo . L’impresa gli riusciva e l’ultimo giro del tracciato diventava la sua cavalcata trionfale che gli permetteva di presentarsi a braccia alzate sull’affollato Corso Volsci. Per gli inseguitori non rimaneva che la volata per il secondo posto ad appannaggio del marchigiano Gianmarco Garofoli sul lucano Alessandro Verre . La classifica per il miglior scalatore di giornata andava al friulano Giovanni Mocellin che riceveva il premio dalle mani delle signore Lavinia Rufo e Ida Villa in rappresentanza dell’Associazione CASPITA che si dedica da alcuni anni alla promozione della Riserva Naturale dell’Orso di Campoli Appennino. A Lorenzo Germani andava la medaglia d’oro Arcangelo Iannone e una stampa d’arte con matrice in linoleum e con finiture in oro realizzata dalla studentessa Angelica Loffreda della classe IV B Arti Figurative del Liceo Artistico di Sora . Un premio particolare quest’ultimo istituito per la prima volta dall’AS Ciclisti Sorani grazie alla collaborazione della professoressa Olga De Gasperis , del prof. Fabio Landolfi ed della preside prof. Clelia Giona. Alla cerimonia di premiazione lo sponsor Marco Ianni della O & O New Auto ha consegnato a Matteo Berti, DS della Work Service Romagnano , il trofeo riservato alla squadra del vincitore della Ciociarissima. Sul palco delle premiazioni assieme al presidente dell’AS Ciclisti Sorani Gianni Bruni, il presidente del CP di Frosinone Lucio Parravano e il segretario Vittorio Iafrate, il vice presidente del CR Lazio Tony Vernile e l’assessore del Comune di Sora Lino Caschera . Gianni Bruni al microfono dello speaker Fabrizio Amadio ha ringraziato innanzitutto Lucio Parravano, Riccardo Venditti e Marco Pagnanelli , colonne portanti della struttura organizzativa che hanno coordinato alla perfezione lo staff di collaboratori della società. Ha rivolto poi un elogio a tutti quelli che hanno lavorato intorno alla gara nonostante il caldo torrido di questi giorni .

La Ciociarissima ha avuto per la terza volta una sorta di prologo che si è svolto Sabato in località Portella . Una cronoscalata che ha fatto registrare ben 95 partenti che hanno lottato contro il tempo lungo i 4, 800 chilometri che dal Centro Commerciale La Selva portavano sulla Portella. Protagonista di giornata il diciottenne lucano Alessandro Verre in maglia CPS Professional Team che ha fermato i cronometri sul tempo di 11’12” relegando in seconda posizione Gianmarco Garofoli ed in terza Filippo D’Aiuto.

Lo foto allegate sono di M.Francesca Baglione

ORDINE D’ARRIVO LA CIOCIARISSIMA

1.Germani Lorenzo (Team Work Service Romagano) Km 121,600 in 2.10.28 alla media 38.30 2. Garofoli Gianmarco (Tema LVF Marche) a 50″ 3. Verre Alessandro (CPS Professional Team) s.t. 4. Nieri Alessio (Big Hunter Beltrami TSA Seanese) s.t. 5.Mocellin Giovanni (Danieli Cycling Team) s.t. 6.Buratti Nicolò (Danieli Cycling Team) a 1’00” 7.Regnanti Matteo (GS Stabbia Ciclismo) a 1’25” 8. Gimignani Samuele (Team Work Service Romagnano) 9.De Laurentis Giuseppe (Vini Fantini Sportur) s.t. 10.Perica Richard (Team Coratti) s.t.

ORDINE DI ARRIVO CRONOSCALATA

1° Verre Alessandro (CPS Professional Team) km 4.800 in 11’12”

2° Garofoli Gianmarco (Team LVF) a 12.5

3° D’Aiuto Filippo (Danieli Cycling Team) a 16.6

4° Nieri Alessio (Big Hunter Beltrami Seanese) a 16.7

5° Torrisi Marco (Forno Pioppi Team Toscano Giarre) a 27.6

6° Gimignani Samuele (Team Work Service Romagnano )a 30.5

7° Ghisleri Luca (Gottardo Giochi Caneva) a 36.6

8° Buratti Nicolò (Danieli Cycling Team) a 38.8

9° Mocellin Giovanni (Danielo Cycling Team) a 39.2

10° Draghi Guido (GS Stabbia Ciclismo) a 39.3

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *