Ciclismo – Tirreno-Adriatico – La 54^ edizione della Corsa dei Due Mari prende il via oggi con una Cronosquadre di 21,5km.

terreno_adriaticologo

Lido di Camaiore, 13 marzo 2019 – Buongiorno dalla prima tappa della Tirreno-Adriatico NamedSport, in programma dal 13 al 19 marzo e organizzata da RCS Sport/La Gazzetta dello Sport, la Cronometro a Squadre di Lido di Camaiore di 21,5 km.

La prima squadra in gara, la AG2R La Mondiale, partirà alle ore 14:00. Le altre squadre seguiranno con intervalli di 5 minuti, con l’ultima squadra, Mitchelton – Scott, che partirà alle 15:45.

VELON
Potete trovare la lista completa dei corridori dotati del dispositivo per il monitoraggio dati in tempo reale di Velon oggi a questo link.

METEO
Lido di Camaiore (14.00 – Partenza prima squadra): Pioggia, 9°C. Vento: moderato – 13kmh, S.
Lido di Camaiore (16.10 – Arrivo ultima squadra): Variabile, 12°C. Vento: moderato – 11kmh, SE.

DOWNLOAD

MAGLIE
Maglia Azzurra, leader della classifica generale, sponsorizzata da Gazprom e Maglia Bianca, leader della Classifica dei Giovani nato dopo il 1/1/1994, sponsorizzata da Open Fiber.
NOTE: Abbuoni: Traguardi Volanti: 3″, 2″ e 1″ al 1º, 2º e 3º classificato. Traguardo finale: 10″, 6″ e 4″ al 1º, 2º e 3º classificato. Le tappe 2, 3, 4, 5 e 6 prevedono due traguardi volanti ciascuna e un massimo abbuono possibile di 16″. Il massimo abbuono possibile per l’intera corsa è di 80″.

Maglia Arancione, leader della classifica a punti, sponsorizzata da Sportful, oggi non assegnata.
NOTE: Punti: 5, 3, 2 e 1 al 1º, 2º, 3º e 4º classificato a ciascun traguardo volante nelle tappe 2, 3, 4, 5 e 6. Linea d’arrivo: 12, 10, 8, 7, 6, 5, 4, 3, 2 e 1 punto per le posizioni dalla 1 alla 10 nelle tappe dalla 2 alla 7. Il massimo di punti ottenibili nell’intera corsa è di 122.

Maglia Verde, leader del Gran Premio della Montagna, sponsorizzata da Enel, oggi non assegnata.
NOTE: Punti: 5, 3, 2 e 1 punto vengono aggiudicati sulla cima di ciascuna delle nove salite di categoria unica al 1º, 2º, 3º e 4º classificato. 15, 10, 7, 5, 3, 2 e 1 vengono aggiudicati sulle cinque salite di categoria “Superior” (Pomarance [tappa 2], i Cappuccini [tappa 4 per due passaggi] e Recanati [tappa 5 per due passaggi]) al 1º, 2º, 3º, 4º, 5º, 6º e 7º classificato. Il massimo numero possibile di punti ottenibili durante la corsa è di 120 punti di cui 25 nella tappa 2, 10 nella tappa 3, 40 nella tappa 4, 40 nella tappa 5 e 5 nella tappa 6.

PERCORSO
Tappa 1 – Lido di Camaiore (Cronometro a squadre) 21,5 km
Cronometro a squadre composta da una due settori praticamente rettilinei che si corrono sulle due carreggiate della medesima strada intervallati da un “giro di boa” dal percorso rettangolare attorno a un isolato. Percorso rettilineo per 9,5 km fino alla svolta di Forte dei Marmi, anello rettangolare con 3 curve a sinistra e reinserimento nel lungomare dove viene rilevato il tempo intermedio al km 10,7. Restano 11 km sul lungomare di Forte dei Marmi per ritornare al Lido di Camaiore.

Ultimi km
Gli ultimi 5 chilometri sono pianeggianti in direzione sud costituiti da un lungo rettilineo che ai 1200 m dall’arrivo presenta una S destra-sinistra con carreggiata ristretta che immette sul rettilineo finale di 1 km. Arrivo su asfalto di larghezza 6,5 m.


CURIOSITÀ
LIDO DI CAMAIORE 

  • Il territorio si inserisce nel litorale della Versilia, bagnata dal mar Tirreno, ai piedi delle Alpi Apuane. L’entroterra lidese è ricco di acqua: presenti numerosi canali e soprattutto grandi falde sotterranee, utili per il rifornimento degli acquedotti locali.
  • Insediamento in epoca preromana di etruschi e liguri, crebbe notevolmente nel Medio Evo grazie all’antica Via Francigena.
  • Lido di Camaiore, oltre ad essere una nota località turistica, è stata più volte arrivo di tappa del Giro d’Italia (1997,2002 e 2007).
  • A Camaiore si è svolto fino al 2014 il Gran Premio Città di Camaiore, corsa in linea maschile di ciclismo su strada riservata ai professionisti, la cui prima edizione risale al 1949 e facente parte del circuito UCI Europe Tour dal 2005.
RCS Sport – FOTO CREDIT: LaPresse – D’Alberto / Ferrari

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *