Pensieri & parole – Frosinone-Carpi “la vigilia”

Pensieri & parole

Di Alessandro Biagi

Appuntamento con la prima delle tre finali consecutive da vincere ad ogni costo per coltivare il sogno promozione diretta. La sfida è tra il Frosinone, sulla carta “leone” famelico ed affamato, rilanciato dalla vittoria esterna di Brescia, che dovrebbe, sempre sulla carta, far boccone unico di un Carpi che non ha più nulla da chiedere a questo campionato. Decimi in classifica con 41 punti, gli emiliani vedono distante la zona play off ben otto lunghezze e con nove punti ancora in palio è di fatto impossibile l’aggancio. Gli odierni avversari dei canarini vengono da due pareggi consecutivi, successivi a due sconfitte, a testimonianza di un periodo di grande … opacità. I carpigiani si “distinguono” poi per avere il peggior attacco del campionato. Ci sono dunque tutti i presupposti per prolungare di altri 90’ il sogno della promozione diretta. Per farlo i canarini devono guardare in primis a loro stessi per superare l’ostacolo Carpi e, poi, buttare anche un occhio a quello che succede al Palermo sul campo della Ternana, in attesa di conoscere domenica il risultato del Parma nel derby emiliano-romagnolo contro il Cesena. Le dirette avversarie del Frosinone giocano contro squadre che hanno bisogno di punti pesanti per il traguardo salvezza. Inutile dire che questo 40mo turno strizza l’occhio benevolmente al Frosinone. <Sarà una partita importantissima forse decisiva>, ha confessato Moreno Longo nella conferenza stampa pre gara. Decisiva sicuramente in caso di battuta d’arresto del Frosinone.

Che Frosinone vedremo? Longo, che comunque ha quasi sempre smentito i vari “totoformazione” della vigilia, ha dichiarato di voler schierare la sua squadra a quattro in difesa, probabile quindi il 4-2-3-1 visto a Brescia con Citro (atteso al riscatto dalla scialba prestazione bresciana) punta, davanti a Paganini, Ciano e Dionisi; Gori e Chibsah in mediana e, davanti a Vigorito, Matteo Ciofani, Ariaudo, Terranova e Brighenti. Anche sotto il profilo del modulo, più che sorprendere gli avversari, in queste ultime tre partite conta soprattutto dare riferimenti certi ai giocatori giallazzurri, cercando di evitare svarioni (come quello del gol bresciano quattro giorni fa) che a questo punto sarebbero veramente deleteri.

La gara sarà trasmessa in diretta televisiva su SkyCalcio e radiofonica sulle frequenze di RadioDay.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *