FrosinoneCalcio – Krajnc: “dobbiamo dare il massimo e stare tranquilli, come ci ha chiesto il Presidente”

Il giocatore della settimana in conferenza stampa è Luka Krajnc. Di ritorno in giallazzurro lo scorso luglio dal Cagliari dopo i sei mesi disputati a Frosinone la scorsa stagione. Aria da gran bravo ragazzo, si trasforma

in campo in un marcatore arcigno ed implacabile che non disdegna anche la ricerca del gol. Sabato potrebbe tornare titolare per la squalifica di Terranova dopo aver timbrato il ‘cartellino’ nella vittoriosa gara casalinga contro il Novara.

Luka, prima di parlare del presente ci piacerebbe spendere due parole sulla tua carriera. Hai esordito in serie A con la maglia del Genoa contro il Milan nel ruolo di terzino sinistro. Fu la tua unica esperienza in quel ruolo?

“Ho giocato anche col Cesena due o tre partite da terzino sinistro, una mi sembra contro la Roma. Ma io so adattarmi a tutto quello che il mister chiederà di fare”.

Lo scorso anni in occasione della gara casalinga col Trapani sei stato attenzionato da un osservatore dell’Arsenal. Ne eri a conoscenza?

“Non lo sapevo. L’ho saputo davvero in questi giorni”.

Dopo una gara persa a Palermo, sentire la vicinanza del presidente Maurizio Stirpe che sensazione provoca in voi calciatori?

“Tutte sensazioni positive, si vede che lui vuole essere vicino alla squadra. Ci ha detto che dobbiamo stare tranquilli e in queste 12 partire fare il massimo, con tanto entusiasmo”.

La tifoseria si è un po’ divisa: da una parte di tifosi che comunque pensa al fatto che ci sono 12 partite davanti e un’altra che è rimasta delusa e se l’è presa principalmente con l’allenatore. Come giudichi questo malessere dei tifosi? E come si può ripartire?

“Si deve ripartire dal lunedi di lavoro, non è solo una frase fatta. Noi ci stiamo preparando come sempre al massimo. Sinceramente io non leggo, ma comprendo quanto sia importante pensare partita dopo partita, mettendoci alle spalle tutto. I tifosi possono giudicare. Ma spetta a noi portare i tifosi dalla nostra parte”.

Cosa ne pensi della Salernitana, squadra reduce dal derby vinto e che in occasione della gara di andata ci fece faticare anche per la nostra inferiorità numerica?

“Tutti gli avversari sono difficili da affrontare, partiamo da questo concetto. Soprattutto la Salernitana, formazione tosta che conosciamo bene. Ma noi dobbiamo pensare a noi stessi, a giocare come sappiamo fare e il risultato arriverà”.

Pesa nella testa di questo gruppo, costituito da tutti titolari, il fatto che mancheranno tre giocatori?

“Alla domanda hai già dato risposta. Questo è un gruppo di titolari, chi viene sostituito darà il massimo”.

Questo mese di marzo è importante. Tu devi assolvere agli obblighi con la nazionale, sei convocato per due gare il 25 e 27 marzo. La chiamata in nazionale fa sempre piacere ma lasciare il gruppo in occasione della gara con la Ternana e probabilmente contro il Venezia ti pone qualche problema?

“Certo che vorrei essere qui, ma quando ti chiama la nazionale devi rispondere perché è sempre un motivo di orgoglio. Lo scorso anno saltai la gara con la Spal e vincemmo…”.

Come bisognerà affrontare il prossimo avversario? Probabilmente su un terreno pesante…

“E’ successo già contro il Novara in casa. Dobbiamo difenderci bene e poi sfruttare le occasioni che verranno. Perché sono sicuro che ci saranno”

Solo un passo indietro, a Palermo cosa è mancato?

“Quella partita è alle spalle, dobbiamo ripensare alla Salernitana. Ognuno di noi sa dove ha sbagliato in quella partita, abbiamo rivisto i video con il mister. Ripartiamo da quelle certezze”.

Fonte: sito FrosinoneCalcio.com

Giovanni Lanzi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: