Ultim'ora

Invia i tuoi articoli a: redazione@frsport.it

Invia i tuoi articoli a: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

News


COLUCCI

Nonostante tutte le problematiche che stanno tenendo banco in questi giorni circa la migrazione della Biosì Sora a Frosinone, i bianconeri continuano ininterrottamente e con zelo il lavoro della preparazione. A guidarli, in assenza dell’head coach Barbiero – impegnato con la nazionale under 19 – c’è ancora una volta lui, il secondo allenatore Maurizio Colucci. 

Imprescindibile punto di riferimento del club volsco, Colucci non è solo un mister altamente professionale e dalle indubbie capacità, ma un’icona, il simbolo per eccellenza della pallavolo sorana, colui che, con anni di lavoro e passione, si è preso cura di tantissimi gioielli targati Argos, dalle giovanili alla prima squadra. Colucci incarna il volley lirense e le tante vittorie, tra cui quella più bella, l’indimenticabile galoppata che condusse la Biosì alla SuperLega e che gli valse il soprannome “sindaco di Sora”. Averlo nuovamente al timone è una garanzia di risultato, umano e sportivo, con il grande impegno collaterale che lo porta nelle scuole di tutto il comprensorio ad avvicinare tantissimi giovani allo stile di vita sano che la pallavolo, con la sua anima pulita, rappresenta. 

“Sono orgoglioso della riconferma nel mio ruolo da parte della società – racconta il mister sorano -, per la fiducia reciproca ottenuta dentro e fuori dal campo da parte mia, dei  dirigenti e della proprietà di questa grande società, per il lavoro svolto e i risultati raggiunti ma soprattutto per la sinergia di pensiero e di lavoro che ci unisce. Per me parte tutto dalla passione e dall'amore per questo sport: dietro c’è un lavoro mentale e tecnico indescrivibile ai non addetti, con ore e ore di studio e preparazione. Con questa società ho avuto tante soddisfazioni ma quelle che sento maggiormente stanno nel vedere i piccoli miglioramenti, giorno dopo giorno, in ogni gesto che un'atleta compie, oltre chiaramente alla buona prestazione in gara e all’apprezzamento dei componenti dello staff, dei dirigenti e dei tifosi”. 

Lo stesso Colucci continua esponendo gli obiettivi per questa stagione, frutto dell’esperienza della passata: 

“Dal mio punto di vista è molto importante, vista anche la giovane età degli atleti, aiutarli a crescere mentalmente, tecnicamente e tatticamente. Essere ambiziosi, combattere in ogni partita per fare più punti possibili: bisogna fare in modo che ognuno di loro dia sempre il massimo in partita ed in allenamento. Siamo convinti di aver allestito una bella squadra e sono pienamente appagato del materiale tecnico e umano a disposizione. Ho visto tutti i ragazzi in buone condizioni dal punto di vista fisico, mentre tecnicamente ci attende un bel lavoro”. 

E il “bel lavoro” è già in atto: 

“In queste settimane stiamo dando più spazio alla preparazione fisica con sedute di pesi, piscina, beach volley, ma non mancano quelle tecniche, sebbene di condizionamento fisico – prosegue Maurizio.Posso dire che stiamo svolgendo un’ottima preparazione ed i ragazzi stanno rispondendo con grande motivazione, entusiasmo ed impegno. I nuovi innesti si stanno inserendo molto bene e tutto procede come da programma”. 

Un ultimo sguardo, mister Colucci lo volge allo staff di cui fa parte, ovviamente quello tecnico, di cui dice: 

“Sono molto contento del lavoro della società che ha subito riconfermato tutti e preso un grande allenatore come Mario Barbiero, che conosco da sempre e per il quale nutro rispetto e fiducia; sono sicuro che sia la persona giusta per Sora e per il tipo di squadra che abbiamo costruito. Alla base del nostro progetto c’è il coinvolgimento di tutta l’equipe, ognuno per le proprie competenze, perché  siamo convinti che sia il modo migliore per lavorare in serenità e raggiungere risultati positivi. Concordare  il lavoro è di fondamentale importanza sia per l’omogeneità delle esercitazioni proposte dallo staff che per la comprensione dei giocatori. Ogni figura dell’entourage ha il suo campo di intervento, ma le varie componenti, dalla tecnica alla tattica passando per quella atletica, devono andare nella stessa direzione e questo è un compito di regia, di organizzazione, che Mario saprà svolgere al meglio”. 

Cristina Lucarelli – Biosì Sora

MASSIMILIANO BRUNI IMMAGINE 99 300X300Una puntata dopo l’altra, emergono tutti i tasselli di un copione surreale, fatto di situazioni che indignano, di frasi che offendono l’intelligenza, di una mancanza di tutela di una ricchezza comune che rammarica, amareggia. Giorno dopo giorno, bisogna fare il punto su quanto detto pubblicamente da patron Gino Giannetti ai microfoni di Pasquale Mazzenga e di Nuova Rete, bisogna fare un ritratto fedele del frangente che sta vivendo la Biosì Sora e del perché lo stia vivendo per far comprendere quale sia la verità, anche se fa male. 

Dal consiglio comunale del 21 luglio, quello richiesto ad hoc sulla querelle riguardante il PalaGlobo, emerge un quadro clinico assurdo: 

“Qualcuno parla di ricaduta economica sul territorio, ma avete degli elementi in tal senso? La verifica l’ha fatta il sottoscritto, girando ristorante dopo ristorante, alberghi, hotel, B&B di Sora. Non c’è stata un’attività che ha dichiarato di aver avuto benefici o, se ci sono stati in qualche paese vicino Sora, dovremmo fare un consiglio comunale allargato. Quindi, la ricaduta è pari a zero”,

questa è la sconcertante dichiarazione del consigliere Massimiliano Bruni, che dunque liquida l’apporto valoriale, commerciale e d’immagine di una SuperLega equiparandosi a istituti d’indagine e svolgendo la sua personalissima inchiesta con la superficialità di poche ore. All’amministratore, Giannetti risponde così: 

“Quando Massimiliano Bruni dice che non c'è stata ricaduta economica, io vorrei che questa cosa fosse analizzata: non si può asserire che siccome un gruppo di persone è andato magari ad alloggiare presso un albergo che per puro caso fa comune di Isola del Liri, oppure ha mangiato ad Arpino, allora non c’è stato un solo euro speso sul territorio. Qualcuno dovrebbe spiegargli che siamo in Europa, nel pieno della globalizzazione, e che Garibaldi ha fatto l'Italia mentre noi non riusciamo a definire come comprensorio un’area che spazia tra Sora, Isola del Liri ed Arpino. Forse queste persone sono inadeguate”. 

Ed invece, come messo a referto dalla stessa Lega, 30mila appassionati, tra sorani e visitatori provenienti tanto da Modena quanto da Vibo Valentia, tanto da Trento quanto da Latina, sono passati nella città volsca a lasciare traccia di come una serie A abbia il potere di muovere le masse in ogni dove. Ottimo punteggio ottenuto dopo le analisi di qualità e performance realizzate da società specializzate nel settore  e che hanno sottoposto l’Argos Volley anche ad una Ghost Visit con il massimo dei voti o quasi in ogni settore analizzato. Inoltre il PalaGlobo è stato protagonista di un’altra cifra da record: coefficiente di riempimento del 96%, pari ad una media di 1915 posti occupati in ogni gara casalinga, posti occupati anche da quei famosi 30mila di cui prima. Per non parlare dell’entourage che si trincea dietro i marchi Argos e Biosì, gente che lavora grazie alla pallavolo, da chi si sostenta a chi percepisce comunque un rimborso in un momento particolarmente triste dal punto di vista professionale. Anche questi devono pagare dazio? E poi le testimonianze degli stessi gestori, riportate giusto qualche mese fa in seguito all’accordo “Incoming”, un pacchetto che combinava l’evento partita ad una cena o una degustazione in una varietà di locali del comprensorio, oppure ad un pernotto, o ancora ad un’attività caratteristica. Forse l’errore del club bianconero è stato cercare di promuovere realtà anche al di fuori del proprio orticello, come l’Hotel Mingone di Arpino, per citarne uno. Però le dichiarazione, ci arrivarono anche dagli stessi sorani, di cui riportiamo degli stralci: Giovanni Sabatini, proprietario della pizzeria Doppio Zero disse 

“Da quando Sora è in SuperLega, più di qualcosa è cambiato, un po’ per tutti. La visibilità e il lustro dati dalla massima categoria nazionale di uno sport che sta prendendo sempre più piede in Italia, cominciano a farsi sentire. Il seguito del pubblico avversario è notevole ed è rincuorante vedere nuovi volti a passeggio tra i locali della nostra città. Personalmente, presso la mia attività, ho avuto modo di servire vari tavoli che hanno approfittato del momento-gara per restare qui ad assaggiare una buona pizza”; 

oppure Alberto Vitale, proprietario della Taverna Re Fuoco raccontò che 

“Sicuramente l’avvento di questo sport a Sora, unica serie A cittadina, ha determinato un influente incremento della clientela presso il nostro locale nelle giornate di campionato; clientela di tifoseria ospite e nostrana, soprattutto, ma anche delle varie dirigenze che si alternano ai nostri deschi”.

Allora ci verrebbe da chiedere: vuoi che queste 30mila persone non abbiano consumato nulla? Non abbiano preso un caffè o un panino? E, ancora: ma gli stessi atleti, dove pagano gli affitti? Dove vivono, mangiano, comprano, si vestono, escono? E gli stessi sorani che si recheranno a Frosinone a tifare la loro squadra del cuore, ad oggi, dove si tratterranno per il post partita? Questi soldi spesi tra gli esercizi commerciali, i nostri esercizi commerciali, possono davvero corrispondere a zero, come dichiara Bruni? No. La matematica non è un’opinione. Quindi no. 

To be continued…

Cristina Lucarelli – Biosì Sora

Sottocategorie

Categoria riservata alle notizie sulla Pallavolo della Federazione Italiana Pallavolo (FIPAV)

Ecoultramarathon
Scorrendo con il Liri







Agosto 2017
L M M G V S D
31 1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30 31 1 2 3